Deproducers firmano due colonne sonore a Venezia 71 per Salvatores e De Maria

Creatori di suono, divulgatori scientifici e sperimentatori, tutto questo sono i Deproducers, il collettivo artistico composto dai quattro produttori Vittorio Cosma,...

Venezia 71: il film su Pasolini, Mario Martone, Amos Gitai, Gabriele Salvatore e il film della Guzzanti su Stato-mafia

«Nell'attuale contesto cinematografico mondiale, dove le possibilità di successo commerciale condizionano ogni scelta, i festival rimangono uno dei pochi luoghi in cui...

Ildegarda di Bingen: una pagina social per doppiare in italiano il film di Margarethe von Trotta

Un gruppo facebook e una serie di eventi a livello nazionale per ricordare una delle più grandi figure femminili del Medioevo: Ildegarda di Bingen. A promuovere l...

"Otto fragole per otto peccati": "Châteaux en musique" mescola musica, teatro e peccati capitali

Con il concerto del "Trio Musiké" formato dai valdostani Massimo Bezzo (pianoforte) e Davide Sanson (tromba) insieme al piemontese Devid Ceste (trombone) è inizat...

Riccardo Muti senza peli sulla lingua in Valle d'Aosta: «i tagli alla cultura rappresentano l'ignoranza»

Un'ode all'italianità: questo è stato l'intervento di Riccardo Muti in una breve scappata in Valle d'Aosta, per ritirare il premio "Anselmo d'Aosta" offertogli dagl...

  • Deproducers firmano due colonne sonore a Venezia 71 per Salvatores e De Maria

  • Venezia 71: il film su Pasolini, Mario Martone, Amos Gitai, Gabriele Salvatore e il film della Guzzanti su Stato-mafia

  • Ildegarda di Bingen: una pagina social per doppiare in italiano il film di Margarethe von Trotta

  • "Otto fragole per otto peccati": "Châteaux en musique" mescola musica, teatro e peccati capitali

  • Riccardo Muti senza peli sulla lingua in Valle d'Aosta: «i tagli alla cultura rappresentano l'ignoranza»

A Torre dell'Orso, Gusto dopa al Sole 2014, con 99 Posse, Rocco Hunt e Africa Unite

Lunedì 11 Agosto 2014 23:26
Torre dell'Orso, in provincia di Lecce, ospita la XV edizione del "Gusto dopa al Sole", il festival reggae e hip hop dell'estate pugliese che ogni anno porta nel Salento i protagonisti della musica Ur...
Leggi tutto...

A Torre dell'Orso, Gusto dopa al Sole 2014, con 99 Posse, Rocco Hunt e Africa Unite

Torre dell'Orso, in provincia di Lecce, ospita la XV edizione del "Gusto dopa al Sole", il festival reggae e hip hop dell'estate pugliese che ogni anno porta nel Salento i protagonisti della musica Urban internazionale e italiana.
Sin dal 1994, “Gusto Dopa al Sole” è un’immersione totale nella cultura musicale di strada: attraverso un fitto programma di concerti, contest e sound system. Ogni anno richiama giovani appassionati di reggae e hip hop sulle spiagge, nei campeggi e nelle campagne salentine per condividere la cultura di strada e la sua musica. Sono molti gli artisti che hanno calcato in passato, il palco di Gusto Dopa al Sole e tra questi ricordiamo Sean Paul, Shaggy, Snoop Dogg, B-Real, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Burro Banton, Junior Reid, Sud Sound System, Gentleman, Michael Rose, Kurtis Blow, Asian Dub Foundation, Mr Vegas, Roy Paci, Heltah Skeltah, Etana, Busy Signal.
Dopo la serata di anteprima del festival, martedì 9 agosto, in cui il cantante reggae italiano Albrosie ha scaldato il pubblico,martedì 12 agosto sarà invece la leggenda del roots jamaicano Horace Andy ad aprire il festival e, durante la stessa sera, si esibiranno sul palco del Gusto Dopa al Sole 2014 il rapper Rocco Hunt, i Bunda Move e i Modena City Ramblers con il loro combat folk.
Il 13 agosto sarà invece la volta del Wu-Tang Clan Raekwon direttamente da New York City, della new-sensation del reggae europeo di Stylo G, dell’attesissimo Ghemon e dei veterani Africa Unite.
Infine, il 14 agosto, durante la serata di chiusura del festival, si ballerà sul ritmo dell'afro-reggae di Alpha Blondy, del raggamuffin rap dei 99 Posse, la rivelazione della scena reggae italiana Lion D e della voce femminile del reggae Mama Marjas.
Numerosi ospiti si alterneranno poi sul palco del Red Bull Tourbus, che affiancherà il palco principale durante i 3 giorni del Gusto Dopa al Sole 2014, tra questi: Dj Filo, Heart On Fire, 88 bros, Jah Sun, Kalibandulu, Livio Cori, Omi, Dj Skizo, Kooloometoo, Magellano, The Banjans, Salento Guys, Bizzarri Sound.

dal 12 al 14 agosto 2014, ore 20,30
TORRE DELL'ORSO (LE)

Gusto dopa al Sole 2014
XV edizione del festival reggae e hip hop in Puglia

Biglietto: giornaliero 10 euro. Disponibili abbonamenti per più serate e pacchetti concerto+campeggio a partire da 30 euro.
Informazioni  



Leggi tutto...

La Divina Commedia sulle sponde del lago Gabiet di Gressoney-La-Trinité

Lunedì 11 Agosto 2014 22:52
Musica e letteratura si incontrano sulle sponde del lago del Gabiet, in Valle d'Aosta a 2.371 metri di altitudine, per dare vita ad uno spettacolo dal titolo "La Divina Commedia": il Corps Philharmoni...
Leggi tutto...

La Divina Commedia sulle sponde del lago Gabiet di Gressoney-La-Trinité

Musica e letteratura si incontrano sulle sponde del lago del Gabiet, in Valle d'Aosta a 2.371 metri di altitudine, per dare vita ad uno spettacolo dal titolo "La Divina Commedia": il Corps Philharmonique de Châtillon, diretto da Davide Enrietti, eseguirà l’opera sinfonica in quattro tempi, per orchestra di fiati "The Divine Comedy" di Robert W. Smith.
Il concerto sarà accompagnato da approfondimenti letterari sui passi danteschi dedicati alle stelle a cura di Piero Boitani dell’Università La Sapienza di Roma.
Il lago del Gabiet è raggiungibile a piedi oppure tramite una telecabina ed in caso di pioggia, il concerto si svolgerà nella Sala Polivalente del Comune di Gressoney-La-Trinité.

16 agosto 2014, ore 15.30
Lago del Gabiet
o nella Sala Polivalente in caso di pioggia
GRESSONEY-LA-TRINITE (AO)
La Divina Commedia
Corps Philharmonique de Châtillon

Organizzatore: CVA
Trasporto A/R in telecabina al Lago di Gabiet 4,50 euro (gratis bambini sotto agli 8 anni). Ultima corsa al Gabiet ore 18.
Vista l'alta quota, si raccomanda un abbigliamento adatto alla montagna

Informazioni sul trasporto telecabina: tel. 0125 303111

Leggi tutto...

[r] Tracy Chevalier: L'ultima fuggitiva

Mercoledì 06 Agosto 2014 15:00
Tracy Chevalier dà ancora una volta prova del suo stile avvincente, nel romanzo "L'ultima fuggitiva". Siamo nel 1850, le due protagoniste, le sorelle Honor e Grace Bright, viaggiano sull'Adventurer. L...
Leggi tutto...

[r] Tracy Chevalier: L'ultima fuggitiva

Tracy Chevalier dà ancora una volta prova del suo stile avvincente, nel romanzo "L'ultima fuggitiva". Siamo nel 1850, le due protagoniste, le sorelle Honor e Grace Bright, viaggiano sull'Adventurer. L'imbarcazione è partita dal porto inglese di Bristol verso l'America, dove Grace deve raggiungere il suo promesso sposo. E' con grande smarrimento che Honor Bright affronta il viaggio, angustiata dal mal di mare, mentre dentro di sé è consapevole del fatto che non tornerà mai più a Bridport, il suo paese natìo. Honor è assorta nei suoi pensieri e mentre il veliero si sta allontanando dalle verdeggianti colline del Dorset lei pensa che il mare è immenso, e ancora infinitamente distante, da Faithwell, piccolo borgo dell'Ohio, dove Adam Cox, uomo in età avanzata alquanto fastidioso, sta aspettando sua sorella Grace per prenderla in moglie. La vivace Grace è da tempo in contatto epistolare con lui, che alla fine le ha proposto il matrimonio. L'idea della sorella di Honor, è di porre fine alla misera esistenza del modesto nucleo di quaccheri dove è stata allevata, in Inghilterra, e di affrontare nuove esperienze. Honor Bright non approva il sentimento avventuroso di Grace, ma Samuel il suo fidanzato l'ha lasciata, e il programma di vivere fra la commiserazione delle persone a lei vicine nel suo paese l'ha convinta ad andare con la sorella oltreoceano.
Arrivate in Ohio, però, poco distanti da Faithwell, Grace si ammala di febbre gialla e muore nella stanza di un hotel. Honor Bright dovrà così affrontare da sola una nuova esistenza in un continente infinito e a lei sconosciuto, separato dall'Oceano Atlantico dal lontano Dorset L'unica persona alla quale lei pensa di chiedere aiuto è Adam Cox. Intanto a Faithwell, l'uomo con sua cognata rimasta vedova da poco tempo, la ricevono trattandola con freddezza. Il villaggio è immerso nella campagna, composto da una serie di costruzioni ai lati di una strada senza diramazioni, da un negozio di vari generi di consumo, da una rivendita commerciale e qualche possedimento agricolo. Gli abitanti sono ospitali, ma con un sincerità alle volte troppo cruda. A sconvolgere la serenità di Honor comunque, non è il genere di vita del villaggio di Faithwell, ma la terribile piaga sociale degli Stati Uniti durante il 1950, quando il popolo negro continua ad essere ridotto in schiavitù. Faithwell si trova appunto nelle vicinanze di un incrocio di vie, dove si riuniscono gli schiavi neri, in cammino verso l'Ovest nella speranza di trovare dei campi agricoli adatti alla coltivazione. Passano di lì anche i coloni diretti a nord, e ancora i cacciatori di schiavi assoldati dai negrieri possidenti di terre per catturare gli schiavi fuggitivi. Ad affascinare e turbare Honor sarà Donovan, un negriero senza scrupoli, di bell'aspetto, con occhi nocciola cangianti, che nel suo volto massiccio gli conferiscono un'aria incredibilmente rude. La ragazza, mossa dai suoi profondi valori morali, secondo i quali è stata allevata dai genitori inglesi, pensa di soccorrere i negri che scappano. Inizia, senza farsi scoprire dalla famiglia dell'uomo americano che ha sposato a Faithwell, a dare loro dell'acqua da bere e del cibo per sfamarsi, ed ogni tanto ad assicurar loro un giaciglio e un posto dove nascondersi. Resta in Honor la lotta fra sentimenti contrastanti: dovrà lasciarsi andare al desiderio di concedersi a un uomo dai valori morali eccepibili, Donovan, ma per il quale prova una profonda attrazione fisica? Tracy Chevalier trattegia grandi sentimenti eroici e la realtà di fatti crudeli, dove argomenti come l'onestà e l'emozione del cuore, lo sconforto e la forza morale danno libero sfogo all'esposizione di un romanzo appassionante.

Tracy Chevalier: L'ultima fuggitiva
2013, Neri Pozza
308 pagine, 14 euro

Leggi tutto...

Una serata con jam session per sostenere la Giovane Orchestra del Salento

Lunedì 28 Luglio 2014 11:25
La Giovane Orchestra del Salento, diretta da Claudio Prima ed Emanuele Coluccia, organizza una serata in musica per sostenere le proprie attività e il primo compact disc. «E' da tempo che speravamo di...
Leggi tutto...

Una serata con jam session per sostenere la Giovane Orchestra del Salento

La Giovane Orchestra del Salento, diretta da Claudio Prima ed Emanuele Coluccia, organizza una serata in musica per sostenere le proprie attività e il primo compact disc. «E' da tempo che speravamo di poterti invitare ad un evento di questo tipo - dicono dall'Orchestra - Di tutte le serate organizzate, questa è di certo la più importante. Non solo per la quantità e qualità degli artisti e musicisti salentini che saranno presenti, nè per il buon cibo ed il ricco programma, ma soprattutto per l'obiettivo di questo straordinario mercoledì: promuovere una produzione partecipata e collettiva del primo CD della Giovane Orchestra del Salento. Non hai mai sentito suonare e cantare i ragazzi della Giovane Orchestra del Salento? Beh...non perdere quest'occasione e poi ne parliamo. Scoprirai la loro bellezza e il loro talento restandone folgorato. Niente di simile è mai successo da queste parti. Nessuno si era mai dedicato in questo modo ai giovanissimi aspiranti musicisti dandogli formazione, ispirazione e opportunità di esibirsi e creare liberamente. Chi conosce le difficoltà che la nostra società ha imposto ai nostri figli nella realizzazione di se stessi, non può non riconoscere la grande portata di questa splendida realtà e collaborare quindi attivamente. Con la serata di mercoledì 30 luglio, con un piccolo contributo personale, puoi anche tu concretamente partecipare anche noi a fortificare e far crescere questo progetto».
L'Orchestra coinvolge più di cento giovani musicisti, con cinquecento ore annue di formazione gratuita in 16 classi stabili e 5 stage di perfezionamento. Il progetto comprende la «fondazione di un'orchestra stabile formata da circa 50 giovani fra i 15 e i 25 anni di età, di estrazione musicale eterogenea, che suonano insieme armonizzando le proprie esperienze» e di un repertorio inedito. Un dvd documentario dal titolo "Il volo" è già stato prodotto, mentre il compact disc è in fase di realizzazione.



30 luglio 2014, ore 21
Mercoledì mediterraneo
Masseria Erchie Piccolo
LECCE

Cena, concerto e jam session con la Giovane Orchestra del Salento
Serata dedicata alla raccolta fondi per la realizzazione del primo compact disc della Giovane Orchestra del Salento

Il programma:
Inizio ore 21
«Certo non ti sveleremo le sorprese - annunciano gli organizzatori - ma possiamo dirti che ti sarà offerta una cena mediterranea, conoscerai i ragazzi della Giovane Orchestra attraverso alcune loro performance e testimonianze, ascolterai i loro brani inediti in un vero e proprio concerto d'insieme e potrai, se vuoi, unirti alla jam session finale. Tutto il ricavato della serata sarà interamente utilizzato per realizzare quest'altro sogno della Giovane Orchestra: la produzione e la distribuzione nazionale su compact disc dei loro brani inediti. Lo scopo dei mercoledì mediterranei è sempre stato quello di promuovere le arti e la libera espressione, facendo incontrare, in un contesto familiare e informale, artisti e creativi stimolando così le sperimentazioni, le collaborazioni e  nuovi progetti culturali».

L'ingresso e il contributo sono liberi.
Informazioni 





Leggi tutto...

Rita Paola espone a Forte dei Marmi in una doppia location

Lunedì 28 Luglio 2014 11:07
Il Museo Ugo Guidi e gli Amici del Museo Ugo Guidi Onlus, in collaborazione con la Galleria Il Collezionista di Roma, presentano la mostra di pittura dell’artista Rita Paola.La pittrice, calabrese di ...
Leggi tutto...

Rita Paola espone a Forte dei Marmi in una doppia location

Il Museo Ugo Guidi e gli Amici del Museo Ugo Guidi Onlus, in collaborazione con la Galleria Il Collezionista di Roma, presentano la mostra di pittura dell’artista Rita Paola.
La pittrice, calabrese di nascita ma romana d’adozione, presenta le sue opere pittoriche per il terzo anno consecutivo nelle sale del Museo.
La mostra realizzata sarà inaugurata venerdì 1 agosto alle ore 18  al Museo a cura di Roberto e Gabriele Giuliani, responsabili della Galleria Il Collezionista di Roma, con ingresso libero.

Leggi il commento di Ernesto Orsi.

dall'1 al 15 agosto 2015
Museo Ugo Guidi – MUG, via Civitali 33
Logos Hotel, via Mazzini 153
FORTE DEI MARMI (LU)

Personale Rita Paola
a cura di Roberto e Gabriele Giuliani

L’esposizione sarà visitabile tutti i giorni fino al 15 agosto 2014 al Museo Ugo Guidi, con orario 10-23 o su appuntamento al 348020538  o   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Al Logos Hotel, invece è possibile visitare la Mostra tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 23.00.

Leggi tutto...

Ernesto Orsi: nella pittrice Rita Paola le forme magmatiche dell'impulso primario

Lunedì 28 Luglio 2014 11:05
Rita Paola, un’artista che si appropria originalmente del linguaggio astratto per comunicare una serie di emozioni che pare venga da molto lontano. Protagonisti sono i colori in tutta la loro drammati...
Leggi tutto...

Ernesto Orsi: nella pittrice Rita Paola le forme magmatiche dell'impulso primario

Rita Paola, un’artista che si appropria originalmente del linguaggio astratto per comunicare una serie di emozioni che pare venga da molto lontano. Protagonisti sono i colori in tutta la loro drammaticità e bellezza e così intensi e talvolta materici da lasciare il fruitore sorprendentemente stupefatto: colpi di spatola taglienti come rasoi e scolature sottili di tinte pastello che scivolano via lungo la tela come nostalgie di sentimenti sbiaditi che sembra funzionino come epifanie proustiane o, meglio ancora, come intermittenza del cuore di natura Joyciana.
C’è in Rita Paola l’urgenza di trasmettere, senza aggettivi e inutili formalismi, una complessità di visioni che insorge prepotentemente nella sua anima in perfetta sintonia con le forze primarie e sconosciute che attraversano il mondo; non ha tempo per soffermarsi sulla bella calligrafia, l’immediatezza detta il suo ritmo e la velocità si appropria della sua mano che in rapide azioni costruisce immagini su immagini che convergono tra loro per poi esplodere in forme magmatiche che sembra conservino tutto il calore dell’impulso primigenio che le ha create.
Precisamente, Rita Paola dipinge la luce, cattura la sua dinamicità e mediante essa attraversa l’universo della materia, dello spazio per puntare verso dimensioni abitate da realtà che presuppongono altre coordinate. Nella sua opera complessiva si può individuare non solo la dimensione verticale, ma anche qualcosa di orizzontale, di più umano: è ciò, che definisco, citando Proust e Joyce, nostalgia; nostalgia rarefatta, evocata da contrappunti di colore che vorrebbero essere suoni, sinfonie, partiture di natura dodecafonica, note perdute di jazz freddo.
Ernesto D’Orsi

Leggi tutto...

Fiuggi Family Festival 7 va a Nobody Owns Me di Kjell-Ake Andersson

Lunedì 28 Luglio 2014 10:48
Il film Nobody Owns Me, dello svedese Kjell-Ake Andersson, vince la settima edizione del Fiuggi Family Festival. Al centro della storia il rapporto tra la piccola Lisa e il padre sopraffatto dalle avv...
Leggi tutto...

Fiuggi Family Festival 7 va a Nobody Owns Me di Kjell-Ake Andersson

Il film Nobody Owns Me, dello svedese Kjell-Ake Andersson, vince la settima edizione del Fiuggi Family Festival. Al centro della storia il rapporto tra la piccola Lisa e il padre sopraffatto dalle avversità della vita e con un rapporto difficile con il proprio genitore. «Il film di Andersson racconta con verità e grande sensibilità artistica un rapporto di paternità che resiste alle durezze della vita e agli errori personali», questa la motivazione della scelta della Giuria ufficiale presieduta dal regista Gennaro Nunziante e composta da Airaldo Piva, a.d. Hengdian Group Europe; il Maestro Antonio D’Antò; Cesare Fragnelli, Microcinema. Concorde anche la Giuria della Stampa accreditata: «Film di grande intensità emozionale, carico delle contraddizioni di una società solo apparentemente giusta, ma in realtà distruttiva verso i più deboli».
In occasione della serata di gala del festival, presentata da Fabrizio Frizzi affiancato da Attilio Fontana, è arrivato anche il saluto del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini che ha voluto esprimere il suo «più vivo apprezzamento per l’iniziativa e per gli obiettivi che si desiderano raggiungere offrendo un valido contributo sociale e culturale al nostro Paese».  
I giornalisti presenti hanno anche attribuito una menzione speciale al film Locke, di Steven Knight: «Un film geniale e originalissimo. E costruito sulla misura: dei tempi serrati, delle voci, dei sentimenti forti e fuori da ogni retorica - si legge nella motivazione - Il tema del legame parentale nelle due direzioni: verso il padre rispetto al quale comunque il protagonista si confronta, verso i figli che non lascia soli condividendone anche la gioia di una vittoria sportiva. La sceneggiatura sempre uguale a se stessa è metafora dell’alienazione  dell’uomo moderno e dei suoi rapporti umani vissuti nella rete o al telefono». Locke si è anche aggiudicato il premio della giuria giovani composta da ragazzi dai 16 ai 29 anni: «Grazie alla perfetta costruzione della sceneggiatura, il film presenta una situazione umana che riusciamo a sentire nostra, e allo stesso tempo i dialoghi ci accompagnano nella scoperta di un personaggio che spiazza nella sua atipicità. Incisiva l’interpretazione dell’attore Tom Hardy».
La commedia indiana Barfi, di Anurag Basu, è stata premiata dalla giuria di trenta ragazzi tra i 14 e i 17 anni dell’Associazione Arca-Enel, assieme ai giovani giurati del Cgs. Un paternità ‘nonostante tutto’, declinata nei protagonisti anche degli altri film in programma,  ha caratterizzato la proposta filmica di questa settima edizione del festival. Nel ricco programma anche una masterclass di cinema per i giovani giurati presenti per il primo anno al festival, alla quale ha dato il suo contributo anche il regista svedese Andersson in una lezione sulla realizzazione di un film .
Non poteva mancare un appello alla Pace in Israele e Palestina, con un doppia proiezione del documentario Jerusalem, Dreams and Reality, diretto da Lia G. Beltrami e prodotto da Aurora, sul bilancio, tra desideri e realtà, del rivoluzionario progetto Women of  Faith for Peace: Jerusalem attivo da quattro anni. Ospite eccellente alla prima proiezione l’ambasciatrice del Ghana in Italia e presidente dell’agenzia Onu World Food Programme, Evelyn Anita Stokes-Hayford; tra gli altri anche l’attrice Daniela Poggi e il produttore Andrea Morghen. Tra gli altri eventi, Emi De Sica, primogenita del grande attore e regista ciociaro, nel ritirare il riconoscimento europeo in occasione del quarantennale della scomparsa del padre ne ha ripercorso la carriera, ricordandone aneddoti e momenti familiari.
L’evento è stato promosso dal Comune di Fiuggi in qualità di membro ordinario dell’itinerario culturale europeo E.H.T.T.A, European Historic Thermal Towns Association. L’FFF, come di consueto strizza l’occhio anche al teatro con la rappresentazione del musical Mary Poppins & Mr. Banks messa in scena dai ragazzi del Consiglio Giovani di Fiuggi per la regia di Giorgio Astrei.
Il Safer Internet Centre Italia – Generazioni Connesse è stato presente al festival e alla serata conclusiva per sensibilizzare sul tema dell'utilizzo  responsabile e positivo di internet e delle nuove tecnologie da parte dei più giovani.​ Il direttore del festival, Angelo Astrei, ha dato le primissime anticipazioni dell’edizione 2015: il cambio del nome che diventerà Fiuggi Film Festival e il nuovo logo realizzato dal Mauro Palatucci dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone con l’intenzione di dare all'ormai tradizionale evento fiuggino «un aspetto più moderno e coinvolgente, più adatto per essere veicolato su smartphone, computer, video e gadget».

Leggi tutto...

ll nuovo disco di Paolo Simoni " Si narra di rane che hanno visto il mare "

Domenica 27 Luglio 2014 10:17
Dopo il successo radiofonico del primo singolo “Che Stress” e dopo aver aperto le date di Ligabue allo Stadio San Siro di Milano e allo Stadio Olimpico di Roma, Paolo Simoni propone il nuovo singolo “...
Leggi tutto...

ll nuovo disco di Paolo Simoni " Si narra di rane che hanno visto il mare "

Dopo il successo radiofonico del primo singolo “Che Stress” e dopo aver aperto le date di Ligabue allo Stadio San Siro di Milano e allo Stadio Olimpico di Roma, Paolo Simoni propone il nuovo singolo “15 agosto”, che anticipa l’uscita nel mese di luglio di “Si narra di rane che hanno visto il mare" pubblicato da Warner Music, e che precorre il nuovo disco di inediti, il terzo in studio per il cantautore. L'album contiene 11 tracce inedite, con musiche e testi di Paolo Simoni e prodotto da Luca Pernici (Ligabue, Mario Biondi, Nucleo), che ne ha curato gli arrangiamenti insieme al cantautore.
Il video ufficiale di “Che Stress” è prodotto da Eventidigitali Films. In questo brano Paolo Simoni racconta da vicino l’Italia nel proprio vivere quotidiano, tra telefonini che squillano e lavatrici a gettoni che girano vorticosamente, a scandire la frenesia della vita moderna, con il suo susseguirsi di impegni che ci assorbono ogni giorno: che stress!

La tracklist di "Si narra di rane che hanno visto il mare":
La sfida del tempo
Che stress
Andare via
P.S. intro l’amore
L’amore
15 agosto
P.S. echi di Romagna in festa
Stelle vicine
A Montreux
Aldilà
Lezioni di Piano


Leggi tutto...

Il Ventre della città di Mario Venuti: a settembre il nuovo album di inediti

Venerdì 25 Luglio 2014 11:44
"Ventre della città" è il titolo del brano che segna il ritorno sulle scene di Mario Venuti. Scritto e musicato da Mario Venuti, Francesco Bianconi e Kaballà, "Ventre della città" anticipa l’uscita de...
Leggi tutto...

Il Ventre della città di Mario Venuti: a settembre il nuovo album di inediti

"Ventre della città" è il titolo del brano che segna il ritorno sulle scene di Mario Venuti.
Scritto e musicato da Mario Venuti, Francesco Bianconi e Kaballà, "Ventre della città" anticipa l’uscita del nuovo album di inediti del cantautore siciliano, prevista per il 23 settembre 2014 (Microclima-Musica & Suoni/Believe Digital).
«Sono passati anni da quando Pasolini ha glorificato le periferie e l'umanità vitale e dolente che le popolano – spiega il cantante – Eppure il "ventre della città" esercita ancora fascino e attrazione, per chi sa vedere in esso tutta la gamma dei vizi e delle virtù umane, senza la "corruzione" del pensiero borghese».

Leggi tutto...

[t] Arrampicata per tutti: a Ceresole Reale e Noasca (TO) per scalare e scoprire la natura del Parco Gran Paradiso

Martedì 22 Luglio 2014 17:36
Scalare pareti rocciose sulle quali è scritta la storia dell’arrampicata italiana degli anni ’70, contando solo sulla forza delle proprie braccia, è infatti un’emozione fortissima, oltre che un gesto ...
Leggi tutto...

[t] Arrampicata per tutti: a Ceresole Reale e Noasca (TO) per scalare e scoprire la natura del Parco Gran Paradiso

Scalare pareti rocciose sulle quali è scritta la storia dell’arrampicata italiana degli anni ’70, contando solo sulla forza delle proprie braccia, è infatti un’emozione fortissima, oltre che un gesto atletico che richiede tecnica e preparazione. In particolare la Valle Orco è uno dei siti più celebri per l’arrampicata su granito in Europa: vie su placca, fessure con difficoltà dal 6a al 8b, pareti di bassa valle e valli laterali con strutture fino a 500 m su vette oltre i 3000 m. Un paradiso di roccia da affrontare a mani nude!
Ma il contesto ambientale del Parco Nazionale Gran Paradiso, così fragile e delicato, impone ai partecipanti un’attenzione e un rispetto particolari: le pareti rocciose sono infatti parte di un ecosistema in cui vivono e si muovono diverse specie di animali, ad esempio i falchi pellegrini che nidificano sulle pareti o gli stambecchi in cerca di erba tenera. Agli atleti il compito di rispettare fauna e flora e di trasmettere un messaggio importante: anche uno sport come l’arrampicata, fatto a strettissimo contatto con la natura, può e deve essere totalmente sostenibile e a basso impatto ambientale.
Per rendere accessibile a tutti questo sport così appassionante e nobile, il 20 e 21 settembre si terrà a Ceresole Reale la manifestazione “Arrampicare per tutti”, manifestazione organizzata dal Parco in collaborazione con la Uisp ed il Comune di Noasca e inserita nell'ambito del Meeting Internazionale di Arrampicata che avrà luogo a Ceresole Reale dal 14 al 21 settembre. Se a Noasca i partecipanti potranno provare una semplice scalata su massi, con la guida di istruttori esperti, a Ceresole si potranno ammirare l'equilibrio, la forza e le acrobazie dei veri e propri "ragni" di questo sport, provenienti da tutto il mondo.


Il programma completo della due giorni:
Sabato 20 settembre 2014
Ore 9.30 – arrivo partecipanti, accoglienza e iscrizioni presso il gazebo del Parco e della UISP.Il raggiungimento dei siti di arrampicata avverrà attraverso un “percorso avventuroso”, organizzato in completa sicurezza.
Dalle ore 10 alle ore 11: attività  di riscaldamento per l'arrampicata.
Dalle ore 11 alle ore 13: arrampicata con la Guida Alpina, gli istruttori CAI e UISP.
I bambini potranno fare amicizia tra loro e partecipare a divertenti attività con la Guida del Parco, oppure cimentarsi nell'arrampicata.
Dalle 13 alle 14: pausa pranzo con possibilità di pranzare al sacco o presso il Centro di Educazione Ambientale “La Cascata”.
Dalle ore 14 alle 15.30: ripresa delle attività di arrampicata con le guide-
Ore 16: dimostrazioni del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e sviluppo del tema "arrampicare in sicurezza".
16.30: merenda offerta dal Comune di Noasca e preparata dall'Osteria dei Viaggiatori, ristorante con il Marchio di Qualità del Parco. A seguire, estrazione di premi tra tutti gli iscritti alla giornata.
Ore 19.30: apertura della Festa d'Autunno: la Proloco ti invita alla cena d’autunno con intrattenimento musicale al costo di € 15 e al prezzo scontato di € 10, solo per chi si è iscritto alla giornata di arrampicata.
Ore 21.30: festa di chiusura del Meeting Internazionale di Arrampicata (Trad Climbing Meeting) che si svolgerà a Ceresole Reale, presso il Centro Visitatori "Homo et Ibex"(Borgata Prese).

Domenica 21 settembre 2014
Ore 9.30: escursione guidata con le Guide del Parco nel selvaggio vallone del Roc, con pranzo al sacco.
A Noasca continuerà per tutta la giornata (dalle ore 10 alle 17) la Festa d'Autunno con la “Giornata degli antichi mestieri” che, oltre alle dimostrazioni e stand su antichi mestieri e artigiani, vedrà la partecipazione degli ultimi spazzacamini ancora rimasti in valle; alle ore 13.00 un pranzo al capannone delle feste al costo di € 15, a cui farà seguito alle ore 15.30 un concerto corale, con la partecipazione del Coro “La Bricolla” di Falmenta (VB), inserito all'interno della rassegna musicale "Armonie nel Gran Paradiso" organizzato dal Parco.
Tutte le attività -ad esclusione dei pasti e dell'eventuale pernottamento- sono gratuite e offe rte dal Parco Nazionale Gran Paradiso e dalla Uisp.
Informazioni e prenotazioni: UISP tel.347.3479963.

In più, domenica 14 settembre, all’avvio del meeting sarà possibile provare ad arrampicare sui massi con gli istruttori.

20 e 21 settembre 2014
CERESOLE REALE (TO)

Arrampicare per tutti
manifestazione organizzata dal Parco in collaborazione con la Uisp ed il Comune di Noasca e inserita nell'ambito del
Meeting Internazionale di Arrampicata che avrà luogo a Ceresole Reale dal 14 al 21 settembre.

Informazioni: tel.0124.953230 

Leggi tutto...

A Chiara Ragnini il premio Nuove proposte autori di testo del Lunezia (MS)

Martedì 22 Luglio 2014 17:31
La cantautrice ligure Chiara Ragnini è stata premiata fra le Nuove Proposte Autori di Testo del Premio Lunezia, durante la prima serata di venerdì 18 luglio a Marina di Carrara (MS), dove ha calcato i...
Leggi tutto...

A Chiara Ragnini il premio Nuove proposte autori di testo del Lunezia (MS)

La cantautrice ligure Chiara Ragnini è stata premiata fra le Nuove Proposte Autori di Testo del Premio Lunezia, durante la prima serata di venerdì 18 luglio a Marina di Carrara (MS), dove ha calcato il palco insieme ad artisti come Max Pezzali, Tiromancino, Elisa, Red Canzian e Alberto Bertoli. E' stata premiata da Paolo Talanca, responsabile della Redazione musical-letteraria e delle sezioni “Autori di testo” della rassegna.
Chiara, che lo scorso 10 maggio si è aggiudicata il primo premio nella categoria Testo Canzone della XIII edizione del concorso letterario nazionale InediTO-Premio Colline di Torino 2014 presso il Salone Internazionale del Libro di Torino, conferma così il suo talento di autrice e cantautrice.
Attualmente è in tour a presentare le sue nuove composizioni.

Le date del tour 2014:
24 luglio -  ospite Premio Varigotti Festival, Varigotti (SV)
8 agosto - Plenilunio d'Agosto, Civezza (IM)
28 agosto - InDuo Acustico, Riva Ligure (IM)
27/28 settembre - Meeting delle Etichette Indipendenti, Faenza (RA)
8 novembre - Biella Festival, Biella

Leggi tutto...

Detour. Festival del Cinema di Viaggio: omaggio a Jeff Nichols

Martedì 22 Luglio 2014 16:47
Dal 16 al 19 ottobre 2014 prende il via la terza edizione di Detour. Festival del Cinema di Viaggio, curato da fondazione march, diretto da Marco Segato e presieduto da Francesco Bonsembiante. Anche q...
Leggi tutto...

Detour. Festival del Cinema di Viaggio: omaggio a Jeff Nichols

Dal 16 al 19 ottobre 2014 prende il via la terza edizione di Detour. Festival del Cinema di Viaggio, curato da fondazione march, diretto da Marco Segato e presieduto da Francesco Bonsembiante. Anche quest'anno il festival si pone l'obiettivo di presentare al pubblico una selezione ricca ed eterogenea, fatta sia di opere inedite sia di film che hanno partecipato ai più importanti festival di cinema internazionali come Cannes, Berlino e Venezia, Sundance, Locarno, legati al tema del viaggio nelle sue molteplici incarnazioni, come luogo d’incontro fra culture e tradizioni differenti e lontane.
Per l’omaggio all’autore quest’anno si è scelto di valorizzare un autore di forte intensità, molto amato dalla critica, ma relativamente conosciuto in Italia, il  regista americano Jeff Nichols.
Nel corso del festival verranno proiettati i suoi 3 film Shotgun Stories, Take Shelter e Mud, due dei quali inediti per le sale italiane (Shotgun Stories e Mud).
Nichols è uno degli autori più giovani e originali nel panorama del cinema contemporaneo. Un autore dallo stile fortemente personale, che racconta storie legate alla profonda provincia americana, rilette in chiave visionaria. Per potenza visiva e narrativa viene spesso associato a due grandi cineasti come Malick e Spielberg. Shotgun Stories e Take Shelter hanno vinto diversi premi. In particolare, Take Shelter ha vinto il Gran Premio della Settimana Internazionale della Critica, il Premio SACD e il Premio Fipresci al festival di Cannes 2011.
Jeff Nichols è stato il regista più giovane della storia del festival di Cannes ad avere un film in concorso nel 2012: Mud con Sam Sheppard, Matthew McConaughey e Michael Shannon.
Oltre ai film in concorso e all’omaggio all’autore ci sarà un’altra sezione, inaugurata lo scorso anno, che arricchirà il programma del festival: Viaggio in Italia, dove troveranno spazio lungometraggi e documentari di autori di rilievo e di giovani registi che raccontano la complessità del nostro paese visto da angolazioni differenti.
Il festival sarà arricchito da eventi speciali di diversa natura, pensati per valorizzare differenti modi di vedere e interpretare il viaggio: occasioni per vedere e rivedere vecchi e nuovi film accompagnati e commentati da autori, artisti, cineasti, viaggiatori che arricchiranno la visione del film con la loro personale interpretazione.

dal 16 al 19 ottobre 2014
PADOVA

Detour Film Festival 2014

Informazioni 

Main sponsors del progetto sono Superflash, MasterCard, Cassa di Risparmio del Veneto (Gruppo Intesa Sanpaolo) e Acegas Aps, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e vede tra i partner Padova Terme Euganee Convention & Visitors Bureau. Il Festival si avvale del patrocinio del Comune di Padova, della Regione del Veneto, della Provincia di Padova e dell'Università degli Studi di Padova.


Leggi tutto...


accesso collaboratori
iltrillodeldiavolo.it - le ultime notizie
i commenti dei lettori
assolo
  • Speciale 64° Festival di Sanremo #6

  • Speciale 64° Festival di Sanremo #5

  • Speciale 64° Festival di Sanremo #4

  • Speciale 64° Festival di Sanremo #3

  • Speciale 64° Festival di Sanremo #2