A+ A A-

A Valtournenche (AO) si ricorda la conquista del Cervino da parte di Edward Whymper e Jean Antoine Carrel

  • Scritto da Il Trillo
Era il 14 luglio del 1865. Quel giorno terminava una vera e propria gara tra due grandi alpinisti per la conquista del Cervino: l’inglese Edward Whymper e il valdostano Jean Antoine Carrel. Il primo raggiunse la vetta da Zermatt tre giorni prima dell’italiano salito lungo una via ben più difficile, dal Breuil lungo la Cresta del Leone. 150 anni dopo la prima ascensione alla vetta del Cervino, la montagna in Valle d'Aosta è uno spazio ancora da esplorare. Anche la più vicina a noi può riservare sorprese. È questo il filo conduttore scelto per una serata-evento venerdì 28 novembre, alle ore 21 nella sala Polivalente Crétaz a Valtournenche (AO). Vi parteciperanno alpinisti, giornalisti, registi, operatori del soccorso alpino e alcuni degli atleti del Tor de Géants, alternando ai loro interventi immagini e filmati di grandi imprese. Verrà anche proiettato il video promo Tor des Géants 2014, l’ultra trail più duro del mondo.
Tra i protagonisti: Hervé Barmasse, autore del primo concatenamento delle 4 creste Nord Ovest Est Sud che danno al Cervino le sembianze di una piramide; il regista Nicolò Bongiorno, figlio del grande Mike, maestro della tv italiana, abituale frequentatore di Breuil Cervinia e appassionato di montagna; Lucio Trucco, guida alpina, operatore del Soccorso alpino e tra i responsabili del soccorso nell’organizzazione del Tor des Géants; Franz Rossi, trailer scrittore e blogger; Pietro Crivellaro, giornalista de Il Sole 24 Ore e Luca Ubaldeschi, Vicedirettore de La Stampa.
La serata-evento è inserita nel programma di formazione per giornalisti Raccontare la Montagna. Per tre giorni, nel week-end dal 28 al 30 novembre, la proposta formativa aperta ai giornalisti italiani comprenderà lezioni, confronti sui temi della montagna ed esperienze sulla neve in compagnia di docenti e professionisti.

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".