A+ A A-

Randy Olson è Photographer of the Year SIPAContest 2017 al Siena International Photo Awards Festival

  • Scritto da Il Trillo
Randy Olson riceve il premio da Luca VenturiLa migrazione delle gru di Sandhill, dalla Siberia all’America del Sud, consegna a Randy Olson il titolo di Photographer of the Year SIPAContest 2017. Il riconoscimento al pluripremiato fotografo americano è stato consegnato sabato 28 ottobre 2017 al Teatro dei Rozzi a Siena, durante la cerimonia di premiazione della terza edizione del "Siena International Photo Awards Festival".
L’evento, dedicato alle arti visive, animerà Siena fino al 30 novembre con un ricco calendario di eventi, workshop, photo tour, conferenze oltre alla mostra "Beyond the Lens", che raccoglie i migliori scatti del premio di fotografia. Le immagini, oltre 45 mila pervenute da 161 Paesi del mondo, sono state selezionate da una prestigiosa giuria di 26 fotografi internazionali, fra cui Timothy Allen, Dave Black, Alex Noriega, David Lazar, Adrian Dennis, Sophie Stafford e David Shultz. Randy Olson: "Photographer of the Year 2017" al Siena International Photo Awards. Lo scatto che ha conquistato in termini assoluti la giuria, si intitola "Sand Hills Cranes" e riporta a un’epoca passata in cui gli Stati Uniti potevano contare su importanti flussi e grandi spazi per la migrazione delle gru di Sandhill che, oggi, incontrano difficoltà sempre maggiori nel trovare habitat adatti durante le migrazioni dalla Siberia all’America del Sud.  L’autore, Randy Olson, è noto principalmente per la sua collaborazione con la rivista National Geographic. Ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti ed è stato uno dei due soli fotografi al mondo a vincere sia il titolo di Magazine Photographer of the Year che quello di POYi’s Newspaper Photographer of the Year al Pictures of the Year International (POYi), il più grande concorso internazionale di fotogiornalismo che si svolge tutti gli anni dalla Seconda Guerra Mondiale. La sua partecipazione al Siena International Photography Awards lo ha visto di nuovo in gara in un premio di fotografia dopo un’interruzione che durava dal 2005. Le sue foto sono state pubblicate più di 8 mila volte dal 2001 a oggi. Best Author SIPA Contest 2017. Doppio riconoscimento per la fotografa e regista americana Ami Vitale, ambasciatrice di Nikon, collaboratrice della rivista National Geographic, autrice di scatti realizzati in oltre 90 Paesi ed esposti in tutto il mondo; vincitrice di numerosi premi fra cui il primo Magnum Inge Morath Grant, diversi riconoscimenti al World Press Photo, l’International Photographer of the Year Prize e il titolo di Magazine Photographer of the Year per la National Press Photographer’s Association. A lei è andato il primo premio nella categoria Storytelling, con la storia "Pandas Gone Wild" e il prestigioso riconoscimento di Best Author SIPAContest 2017. Negli scatti scelti dalla giuria, Ami Vitale rende omaggio al panda gigante che, fortunatamente, dal settembre 2016 non è più nella lista degli animali in via di estinzione, a conferma dell’impegno della Cina a favore del suo più famoso ambasciatore e della sua maggiore attenzione per l’ambiente.  
I vincitori delle dieci categorie in gara. La giuria di fotografi internazionali ha decretato come primo classificato nella categoria General Color il fotografo americano Jonathan Bachman con lo scatto "Protestor’s Eyes", che immortala la repressione della protesta di un uomo a seguito dell'omicidio di Alton Sterling, trentasettenne di colore ucciso da due poliziotti bianchi a Baton Rouge, in Louisiana, il 9 luglio 2016. Con una delle foto riprese nella stessa occasione, Bachman ha vinto quest’anno il primo premio al World Press Photo, ottenendo la nomination per il Premio Pulitzer 2017 nella sezione Breaking News. Nella categoria Monochrome il primo posto è stato conquistato dal fotografo inglese Jack Savage, già vincitore di sei titoli al TheFineArtPhotography Awards 2017. La sua foto "Crow of Lviv", immagine di ispirazione gotica, è stata scattata in una chiesa della città ucraina di Lviv (Leopoli). La svizzera Alessandra Meniconzi, appassionata dei nativi delle regioni più isolate del mondo, con particolare attenzione per le zone artiche e subartiche, ha vinto, invece, il primo premio per la categoria Travel con lo scatto "At world’s end", che ritrae la piccola Olya, 6 anni, appartenente ai Nenets, l’ultima popolazione nomade della Russia che vive in un gelido distretto autonomo del Nord Ovest della Siberia. Nella categoria People Portrait, il primo posto va a João Taborda, medico portoghese appassionato di fotografia che, con "I’m here", immortala un momento del festival annuale della gioventù di Lisbona che si ispira al festival indiano Holi e richiama giovani studenti da tutto il mondo. La tempesta inseguita dal fotografo australiano James Stuart ha conquistato, invece, il primo posto nella categoria Nature con la foto "Beast", dove Madre Natura esplode con tutta la sua forza nell’area di Black Hawk, negli Stati Uniti. Parla russo il primo classificato nella categoria Wildlife: Sergey Goshkov, collaboratore del National Geographic Russia, vincitore per due volte del Photographer of the Year della Russia e per tre volte del Wildlife Photographer of Year, ha vinto con la foto "Attack", che racconta la battaglia per il cibo sull’isola di Wrangel, nella Russia nordorientale, dove le volpi artiche cercano di rubare le uova con astuzia e velocità alle oche delle nevi che arrivano dal Nord America per nidificare. 
I vincitori nelle categorie Architettura, Sport e Under 20. Primo posto al fotografo tedesco Hans-Martin Dölz nella categoria Architecture con la foto "Book Temple III", dedicata alla Biblioteca Civica di Stoccarda inaugurata nel 2011 e progettata dall’architetto sudcoreano Eun Young Yi ispiratosi al grandioso lavoro di Étienne-Louis Boullée per la Biblioteca Nazionale di Francia del XVIII secolo. La velocità della squadra inglese sul velodromo olimpico di Rio de Janeiro 2016, con cui il team ha conquistato la medaglia d’oro nella gara di inseguimento a squadre maschile e il record mondiale, trascina il fotografo inglese Tim Clayton sul gradino più alto della categoria Sport con la foto "Great Britain Team". Con uno scatto dedicato all’abaco, uno degli strumenti di calcolo più antichi della Cina occidentale, il giovane cinese Zijie Gong ha vinto il primo premio nella categoria Under 20 con lo scatto "Man running a teahouse", immortalando un anziano impegnato nei suoi conti in una tipica casa del tè. Il tema dell’anno del SIPA Contest 2017. A chiudere la lista dei vincitori del SIPA Contest 2017 è il fotografo israeliano Roie Galitz nella categoria Fragile Ice, tema dell’anno dell’evento senese dedicato alla fotografia internazionale. La sua foto, "Dreaming on sea ice", immortala un orso polare che dorme galleggiando sul mare ghiacciato dell’arcipelago delle Svalbard, dopo aver mangiato un tricheco. L’immagine porta con sé la riflessione sull’aumento delle temperature che causa lo scioglimento dei ghiacci e provoca un devastante impatto sugli orsi polari. L’esposizione fotografica ‘Beyond the Lens’. 
I vincitori delle diverse categorie e i migliori scatti selezionati dalla giuria saranno protagonisti fino al 30 novembre della mostra ‘Beyond the Lens’, allestita a Siena nell’ex distilleria dello Stellino, in Via Fiorentina. Ad accogliere i visitatori sarà uno spazio che risale alla prima metà del ‘900 e si contraddistingue per il forte carattere industriale. Un vero e proprio giro del mondo in oltre 100 scatti. L’esposizione raccoglie le immagini vincitrici del SIPAContest 2017 e una selezione delle più belle foto in concorso. Un’opportunità speciale per ammirare a Siena, per un mese, gli scatti appartenenti alle 10 categorie in concorso e scoprire particolari e attimi irripetibili immortalati dalle 45 mila immagini provenienti da 161 Paesi del Mondo.

dal 27 al 30 ottobre 2017
SIENA

Siena International Photo Awards Festival
Mostra Beyond the Lens

Il "Siena International Photo Awards Festival" è promosso dall’associazione culturale Art Photo Travel, con il patrocinio del Ministero degli Esteri, di Comune e Università degli Studi di Siena. 
Main Partner dell’evento sono Simply Etruria; Rete Ivo, Internet Veloce Ovunque e la catena di negozi specializzati foto/video "Il Fotoamatore". 

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".