A+ A A-

[r] Song n. 14: le piccole grandi storie di Lorenzo Monguzzi e Marco Paolini tra canzoni e teatro

  • Scritto da Enrico Zoi

Lorenzo Monguzzi e Marco Paolini si ritrovano ancora insieme. Lo hanno fatto spesso in questi ultimi anni: Paolini con le sue storie intense, colte e affascinanti, Monguzzi con la sua musica avvolgente ed elegante. E il pubblico li ha seguiti. Nell'estate 2013 i due artisti viaggiano per l'Italia con Song n. 14, che è qualcosa di diverso dal solito: un concerto teatrale in cui le canzoni del primo album da solista, Porta verta, dell'ex-membro dei Mercanti di Liquore sono la colonna sonora e portante delle parole e delle storie di vita vissuta e rappresentata raccontate dal regista e attore bellunese.

Insieme a loro, la Piccola orchestra variabile, composta da Daniela Savoldi al violoncello, Angelo Baselli al clarinetto, Gianluca Casadei alla fisarmonica e i fratelli Maurizio e Roberto Giannone.
A fine serata il pubblico vorrebbe cancellare la parola 'fine' e prolungare la serata in nottata. Due ore e mezzo di belle canzoni di Monguzzi, alcune nuove, altre dal repertorio classico dei Mercanti di Liquore, di omaggi a Piero Ciampi, Boris Vian e, davvero toccante, ai fratelli Cervi, di racconti e interpretazioni da par suo di Marco Paolini, che sul palco è a casa propria, non senza un lungo aneddoto alla Walter Chiari su Carmelo Bene in quel del Friuli: la miscela che ne nasce non è solo esplosiva, assomiglia anche allo sbocciare di qualcosa di nuovo.
Grazie alla sua ricca vena, che ci consegna estratti musicali capaci di porgere al nostro ascolto echi di Giorgio Gaber, di varie sonorità etniche, di Jackson Browne e della ballata più classica per giungere all'auspicata ed originale sintesi di un ottimo e sensibile creatore, Lorenzo Monguzzi si lascia andare a tutta la sua verve interpretativa e cattura le emozioni del pubblico sforando con entusiasmo i tempi dello spettacolo.
Marco Paolini completa l'opera prendendoci tutti a volte per mano, in altre per il bavero, sempre per il ben dell'intelletto che egli non manca mai di risvegliare e muovere, a ricordarci quali siano i valori che contano e quanto grande siano il teatro, la parola e, nel caso di padre Alex Zanotelli, da lui espressamente citato, la forza della coerenza e dell'esempio.
Indispensabile la professionalità e la simpatia della piccola orchestra variabile.

5 luglio 2013, ore 21,30
Estate Fiesolana 2013, Teatro Romano
FIESOLE (FI)

SONG N. 14
concerto teatrale di Lorenzo Monguzzi
con l’accompagnamento teatrale di Marco Paolini
e con la Piccola orchestra variabile

Prossime date

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".