A+ A A-

[r] Baustelle, Minimal Fantasma Tour

  • Scritto da Maela Martorana

Partiti quest'estate dal Teatro De Micheli di Copparo con il Minimal Fantasma Tour, i Baustelle raggiungono Aosta nella serata di mercoledì 29 novembre nell'ambito della Saison Culturelle. Il concerto si apre con il brano Il futuro, tratto dal loro ultimo album Fantasma, classificatosi secondo nella categoria album dell'anno della Targa Tenco.

E' il tempo il tema aggregatore di quest'ultimo lavoro che racconta gli spettri, le paure, le solitudini e l'angoscia del vissuto umano. Sono cospicui i riferimenti alla letteratura di Poe e Baudelaire all'interno dei testi che caratterizzano il percorso oscuro dei Baustelle sin dalle loro origini, spaziando tra la new wave e l'elettronica. "Abbiamo sentito un irrefrenabile bisogno di spogliarci" racconta Federico Bianconi, cantante leader e chitarrista del gruppo, rendendo minimal le esibizioni. Sul palco il quartetto Altriarchi e la splendida voce di Rachele Bastrenghi, unitasi al gruppo nel lontano 1997. La copertina dell'ultimo album si affaccia sul fondale, contribuendo ad aumentare l'alone di mistero creatosi attorno alla band in questi anni. I fans più affezionati avranno certamente riconosciuto Il corvo Joe Perché una ragazza d'oggi può uccidersi. Spiccano durante il concerto anche le cover di artisti del calibro di Franco Battiato come Stranizza d'amuri, la  rivisitazione di A lady of certain age dei Divine Comedy e My autumn's done come di Lee Hazlewood.
Ettore Bianconi, Diego Palazzo e Alessandro Maiorino sono i musicisti che accompagnano sul palco il cantiere creativo dei Baustelle. La serata si conclude con Charlie fa surf, brano sulla ribellione adolescenziale che riscosse parecchio successo nel 2008.
Termina così, tra gli applausi e il riecheggiare delle ultime note, la sensibilità dark e romantica dei Baustelle che sul palco dell'ex Splendor hanno dato vita a uno spettacolo particolarmente suggestivo, complici i giochi di luce del teatro. Chi ha avuto modo di godersi lo spettacolo, si è trovato come di fronte ad un cantastorie che nel tempo di una canzone faceva nascere e morire svariati personaggi.
Creativi e criptici, i Baustelle hanno salutato l' ex Splendor lasciando una scia di pessimismo cosmico.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".