A+ A A-

Finché le stelle saranno in cielo: nel romanzo di Kristin Harmel la mente va all'Olocausto

  • Scritto da Claudia Camedda
Kristin HarmelOgni giorno al calare della sera, poco dopo il tramonto del sole, Rose osserva con lo sguardo un punto luminoso nel cielo, la prima stella lontana sopra l'orizzonte. Quella stella le ricorda,anche adesso che la sua memoria vacilla quali sono le sue origini.  Nel suo romanzo "Finché le stelle saranno in cielo", Kristin Harmel fa tornare la protagonista indietro con la mente alle proprie radici, quando lei diciassettenne lavorava in una pasticceria a Parigi poco distante dalle rive della Senna. Nessuno conosce il suo passato, neanche la sua dolce nipote Hope. Ora però per lei, è arrivato il momento di realizzare il suo ultimo desiderio: giungere al ritrovamento della sua vera famiglia a Parigi. 
Sono passati settant'anni e Rose si ripromette di affidare a Hope un compito. La nipote con un elenco di nomi e una ricetta di dolci, da lei preparati per anni nella pasticceria di famiglia a Cape Code, indagherà su quali sono state le sorti dei famigliari di sua nonna. Ma Rose prima di confidare a Hope il segreto della storia sulla sua famiglia le confessa da dove proviene. Lei non è cattolica, come tutti hanno sempre creduto, ma ebrea, ed è riuscita a sopravvivere all'Olocausto. Hope é turbata ma agisce con determinazione. Aveva sempre saputo della tragedia dell'Olocausto leggendo i libri, e mai le sarebbe passato per la mente che sua nonna fosse scampata allo sterminio dei nazisti. Hope mossa dal desiderio di scoprire, quale sia il passato della sua famiglia, decide di partire per Parigi. Perché é proprio qui, nelle stradine strette fra Place des Vosges, la sinagoga e la Moschea che molti anni prima nacque la promessa di sua nonna. Il desiderio di Rose sopravviverà finché saranno le stelle nel cielo. Anche Hope osservando il cielo, con curiosa passione riuscirà a svelare il segreto intriso d'amore, di vite interrotte confidando sempre nella speranza. Verrà rivelato ai lettori da Kristin Harmel, nell'epilogo del suo libro: "Finché le stelle saranno in cielo" un altro mistero inatteso sugli anni dell'eccidio dell'Olocausto, avvenimento storico confutabile, ma ancora oggi quasi sconosciuto che in quegli anni bui della Seconda Guerra per certi versi ha comunque messo in salvo dallo sterminio l'esistenza di tanti esseri umani.

Kristin Harmel: Finché le stelle saranno in cielo
2012, Garzanti 
352 pagine, 12,90 euro

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".