A+ A A-

L'oro d'Italia: sapori, storie e arte nel lungo viaggio di Claudio Cerasuolo

  • Scritto da Elena Meynet
Prende l'auto e parte dalla Campania, alla scoperta dei sapori regionali. Claudio Cerasuolo, già cronista della Stampa, è un veneziano che a lungo ha vissuto a Torino e qui ha fatto sua una cucina ricca e abbondante. Lascia quindi il Piemonte fra le ultime regioni da visitare, per incontrare produttori e ricette da inserire nel suo "L'oro d'Italia", si incammina verso Capua e poi continua, a volte contando sull'appoggio di parenti o amici, altre con un nome e un luogo segnati dal passaparola, o ancora affidandosi a chi lo consiglierà lungo la strada. Della Campania cita i tre dolci che «non si può non citare» perché unici: la pastiera, il babà, la sfogliatella. Per il resto «non si può scegliere fra i dolci regionali - spiega - così come non si può scegliere la pasta, anche perché ogni località ha la sua variante, sia per il formato che per il nome»
Fra il racconto e il diario di viaggio, attraverso lo sguardo dell'autore si percorre la storia, l'arte,  l'avventura che sta dietro e attorno materie prime che nascono in ambito rurale e le ricette frutto della inventiva di un mondo povero. «Ho scoperto ingredienti che non avrei immaginato - aggiunge Cerasuolo - come le zucchine essiccate, da far rinvenire per utilizzarle fuori stagione. Del resto la morale è sempre la stessa: si mette via quando ce n'è tanto»
Anche le ricette sono raccontate, «per non annoiare né innervosire», ma l'elemento forse migliore sono i produttori ed i loro prodotti, come Cesare Giulio Iemma e la mozzarella, Silvano Elena e le olive, i Baldoni di Grottammare e la loro pasta... 
E poi il pecorino di Pienza "rossellino", vini come il Nero Boleo o il Reseca, ma si parla anche di Vietnam, Cina, Grecia seguendo la strada del riso. 
Tra perle di saggezza curiosità turistiche, il volume di seicento pagine scorre veloce e quasi dispiace sapere che molti dettagli, molte ricette non hanno potuto essere inserire. Resta la consolazione di seguire il suggerimento dell'autore: muoversi, scoprire, incontrare, parlare con le persone che fanno buono il cibo.

Claudio Cerasuolo: L'oro d'Italia
2013, Araba Fenice
624 pagine, 22 euro 

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".