A+ A A-

A MITO Settembre musica si canta tutti assieme. Parola di Nicola Campogrande

  • Scritto da Il Trillo
Il manifesto di MITO anticipazioniLa musica si allarga, sulla scia Milano Torino, e il nuovo direttore artistico di MITO SettembreMusica, Nicola Campogrande, decide di coinvolgere nel calendario dei concerti chiunque abbia voce. Per due giorni, infatti, il 10 settembre a Milano e l'11 a Torino, tutti sono chiamati a far risuonare la grande musica che poco dopo arriverà attraverso i grandi artisti. Non serve saper leggere la musica, anche se alcune partiture sono già disponibili, anzi in alcuni casi basta leggere il titolo per ritrovare nella memoria il tema musicale.  
  «Perché cantare tutti insieme? L’edizione 2016 di MITO SettembreMusica porta con sé diverse novità. La prima è che ora il festival si concentra sulla musica classica. La seconda è che diventa tematico – per quest’anno ho scelto il tema “Padri e figli”. La terza è che vi si presentano solo programmi originali, inediti. La quarta è che i concerti e gli spettacoli per bambini e ragazzi adesso hanno un respiro internazionale. Ma c’è poi una quinta novità, per certi versi persino più eclatante: nel 2016 irrompe all’interno del festival la musica corale. E lo fa in modo massiccio. Undici concerti in ogni città, con ventuno cori impegnati, invadono due pomeriggi, uno a Milano e uno a Torino, raggiungendo tutte le zone, tutte le circoscrizioni. E poi, la sera, è il pubblico stesso a essere protagonista di un open singing, rispettivamente in piazza del Duomo e in piazza San Carlo, cantando i brani che abbiamo raccolto in questa pubblicazione. Non serve avere alcuna esperienza. Non serve saper leggere la musica. Al limite, non serve nemmeno saper leggere: anche i bambini più piccoli possono tranquillamente imparare a memoria le loro linee vocali. C’è infatti un coro guida, sul palcoscenico, che è lì per fare ascoltare ciò che va intonato da ogni singola voce (i soprani, i contralti, i tenori, i bassi). E c’è un direttore specializzato nel dirigere il pubblico: se ci fate caso, non dà infatti le spalle alla piazza, ma è invece rivolto ad essa. Ci sono, insomma, tutti gli elementi che consentono di fare musica tutti insieme, in modo semplice ma curato. Si tratta di un divertimento? Di un happening? No. Credo, al contrario, che si tratti di una riappropriazione necessaria. Di un’occasione – e spero sia soltanto la prima di molte – affinché anche chi non ha mai avuto la fortuna di praticare la musica, e in particolare la musica classica, possa farlo. Perché parte della nostra identità passa di lì. E lo fa in modo forte, intenso, emozionante. Usare le nostre voci per essere ascoltatori e musicisti insieme mi sembra dunque un gesto di civiltà, e di bellezza, al quale spero che in molti vogliamo prendere parte». 
Nicola Campogrande
direttore artistico del Festival MITO SettembreMusica
 
10 settembre 2016, dalle 15,30
MILANO

11 settembre 2016, dalle 15,30
TORINO

Il giorno dei cori

Tutte le sedi
Il programma da cantare

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".