A+ A A-

Bosetti legge i dialoghi platonici e il testamento di Socrate

  • Scritto da Il Trillo

dal 24 al 28 ottobre 2007
Teatro Carcano
MILANO

Giulio Bosetti legge "Dialoghi con Socrate"

Sabato 27 lo spettacolo sarà preceduto da un’introduzione di Massimo Cacciari.

Primo dei due appuntamenti di “Viaggio nel pensiero della Grecia antica” presenti nella stagione 2007/2008 del Teatro Carcano (il secondo dei quali si terrà per tre lunedì a gennaio/febbraio e si intitolerà I grandi scontri),

Dialoghi con Socrate è una lettura-spettacolo - condotta da Giulio Bosetti con Alberto Mancioppi, Francesco Migliaccio e Giuseppe Scordio – che verte sulle eterne domande: perché le cose cambiano? Esiste qualcosa di costante nel continuo mutarsi e trasformarsi della vita? L’esistenza dell’uomo è destinata a esaurirsi con la morte, o si può trasformare in un’anima immortale? La vita ha un senso, magari un destino, o è un futile agitarsi per nulla?
L’Apologia è il monologo-testamento di Socrate di fronte alla giuria ateniese: la difesa ironica di un condannato che argomenta con lucido rigore le proprie scelte.
Nel Critone, Socrate, chiuso in carcere, aspetta il suo turno di morte. Un amico influente gli si presenta ad offrirgli l’evasione ma il vecchio filosofo, in un appassionato dialogo, riesce a convincerlo che fuggire da Atene sarebbe ingiusto e sbagliato.
Il Fedone è la drammatizzata confessione di Socrate della sua unica certezza: l’eternità dell’anima.
Questi tre dialoghi di Platone non finiscono mai di stupirci per la loro disarmante naturalezza, per la profondità e attualità dei temi trattati, per la vivezza di un linguaggio profondamente teatrale.
Le più vertiginose questioni filosofiche fluiscono nelle cadenze del domandare e del rispondere.
Platone, come un moderno drammaturgo, pensa e scrive per immagini.
In figurazioni perfette per cadenza letteraria, Platone riproduce gli intercalari, le battute, le pause di sorpresa, le accelerazioni, i momenti sospesi del dubbio, i magici silenzi… Ironia e saggezza. Un ritmo di scrittura ora struggente, ora vivace.
Platone, sommo filosofo, grande scrittore, con un linguaggio sobrio e toccante ci fa rivivere le ultime ore di Socrate.
Nella cella, il vecchio filosofo tiene la sua estrema lezione, l’ultimo suo canto.
Ma come il cigno (che non canta di dolore quando muore) anche Socrate accetta con serenità la morte, perché essa è la sospirata tappa per l’autentico sapiente, la felice terapia alla futilità dell’esistenza mondana.

Orari degli spettacoli: mercoledì 24/10 ore 15,30 (recita per le scuole- biglietti a euro 11/14); da giovedì 25/10 a sabato 27/10 ore 20,30 – domenica 28/10 ore 15,30
Biglietti: poltronissima € 32,00 – balconata € 25,00
Le recite di sabato 27 e domenica 28 sono inserite nel cartellone della manifestazione Festa del Teatro/Teatri Aperti organizzata da Comune di Milano, Provincia di Milano, Regione Lombardia, Agis Lombarda.
Biglietti € 3,00 prenotabili allo Spazio Oberdan e, secondo disponibilità, al botteghino del teatro nei giorni delle rappresentazioni.
Informazioni: call center 899.666.805
Per scuole e gruppi organizzati: Teatro e Viaggi 025466367 – 0255187234

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".