A+ A A-

Al Teatro di Cestello, Pinocchio deve morire

  • Scritto da Il Trillo
Pinocchio deve morire, locandinaE' un Pinocchio inedito, che parla di crescita e adolescenza, di necessità di imparare e continuare a formarsi è quello di "Pinocchio deve morire" è la tappa finale di un progetto, prodotto da Cantiere Obraz e Ciuchi Mannari, su "Le avventure di Pinocchio" di Carlo Collodi, ed è stato inserito come evento artistico all’interno della rassegna "Integrazione vs Disagio Mentale" organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale di Firenze. Il progetto, partito più di un anno fa, nasce dal  coinvolgimento di un gruppo di giovani attori dai 14 ai 20 anni, i Ciuchi Mannari, formatisi all’interno della Scuola di Cantiere Obraz. La regia è di Alessandra Comanducci, i movimenti scenici sono curati da Fabrizio Pezzoni, le scene di Thomas Harris. "Pinocchio deve morire" è il risultato di un’indagine sulla crescita dell’uomo e sul concetto di adolescenza come condizione ideale e permanente di vita, contro le manipolazioni di una società adulta che spinge verso una rinuncia alla differenza individuale. Infatti “Adolescente" , dal verbo latino adolescere,  significa aumentare, crescere, incrementare, ingrandire, nutrire. Adolescente è il participio presente di adolescere, quindi è "colui che si nutre per crescere", mentre adulto è il participio passato e vuol dire "colui che si è nutrito" e che quindi  ha concluso la sua crescita. "Pinocchio deve morire" è uno spettacolo sulla crescita, sulla vitalità e sul desiderio costante di nutrimento personale. 

 
5 e 6 febbraio 2016, ore 20.45
7 febbraio 2016, ore 16.45
Teatro di Cestello, Piazza di Cestello 4
FIRENZE

Pinocchio deve morire
Cantiere Obraz in collaborazione con Ciuchi Mannari e Asl - Dipartimento Disagio e Salute Mentale
Coordinamento e regia Alessandra Comanducci

Informazioni: tel.055.294609 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La visione è consigliata a un pubblico al di sopra dei 12 anni. 

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".