A+ A A-

Saison 06-07: Neri Marcorè è il dottor Galvan di Pennac

  • Scritto da Il Trillo

27 e 28 ottobre 2006, ore 21
Saison Culturelle 2006-07
Teatro Giacosa
AOSTA

Dal libro di Pennac alla versione teatrale di Giorgio Gallione: Neri Marcorè è il dottor Galvan

Neri Marcorè è il protagonista del monologo La lunga notte del dottor Galvan, scritto da Daniel Pennac e portato in scena da Giorgio Gallione per il Teatro dell'Archivolto di Genova.
In una lunga notte di luna piena, trascorsa "di guardia" in Pronto Soccorso, un giovane tirocinante sogna un radioso futuro da primario mentre, fra incidenti e malintesi, si trova di fronte alle più improbabili patologie. [LN]

“… la classica domenica notte al pronto soccorso, e per giunta con la luna piena. Sapete che la notte tra la domenica e il lunedì i ricoveri al pronto soccorso aumentano in modo esponenziale? Perché la gente si sottrae al lunedì mattina; e tutta quella gente, la mia gente, faceva il possibile per sottrarsi al lunedì mattina, e io come sempre facevo iniezioni, otturavo, intubavo, suturavo, mettevo graffette, sondavo, zaffavo, drenavo, medicavo, riducevo fratture, facevo partorire, qualche volta addirittura prevenivo e depistavo! Insomma, dispensavo cure. Ero un dispensario fatto persona”.
È questo l’inizio di un divertente racconto di Daniel Pennac, lo scrittore di Casablanca trapiantato a Parigi, molto noto anche da noi per la fortunata saga di Benjamin Malaussène, di professione capro espiatorio. Anche questa Lunga notte del dottor Galvan conferma la sua particolare propensione ad affondare il bisturi nelle contraddizioni del nostro tempo. È un bel quadro di odierna malasanità quello tratteggiato attraverso le assurde, tragicomiche avventure di Gérard Galvan, giovane medico tirocinante coinvolto in incredibili, bizzarri incidenti al pronto soccorso in quella famosa notte di plenilunio. Pennac, come noto, è uno degli autori preferiti di Giorgio Gallione, direttore artistico del Teatro dell’Archivolto di Genova, nonché regista, che in quella scrittura affilata e ricca, segnata da lampi di gustosa ironia, sa cogliere tutta la teatralità insita in una situazione lavorativa e umana che sempre si scontra con la logica. Fa doppiamente centro Gallione, con il testo e con l’interprete. Infatti, nei panni del neo-medico in bilico tra i sogni di un radioso futuro e il vertiginoso meccanismo di una realtà che diviene via via più insensata, ha visto e guidato con mano sicura uno dei più bravi e sensibili attori della scena italiana contemporanea: Neri Marcorè. Uno che ogni anno aggiunge qualcosa al suo bagaglio di talenti, dice di lui Curzio Maltese: intelligente conduttore, comico originale, attore drammatico di straordinaria intensità e chissà, forse presto, anche scrittore. Uno che non smette di stupire per il garbo, il senso della misura, la leggerezza che rivela in ogni suo lavoro (vedi la conduzione di Per un pugno di libri, la domenica pomeriggio, in TV). Uno che ammira chi sa coltivare il dubbio e l’ironia.
Come Pennac, nel cui testo si cala da par suo, dominando la vertigine dei vari personaggi in modo lunare, onirico, ironico e sorridente.
Anna Ugliano

La Saison Culturelle 2006/2007 è realizzata col patrocinio della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

Biglietti: 15 euro (ridotto 11 euro)
Informazioni: tel.0165.27.3277 – 3246 oppure al numero verde 800141151 oppure sul sito ufficiale.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".